Skip to main content

Amore Malato: 9 Sintomi e Differenze con l’Amore Sano

Ti trovi a vivere relazioni nelle quali senti che l’amore è malato? Non sai se il tuo rapporto è basato su amore malato o amore sano? Ti senti confuso/a e senti che c’è qualcosa che non va nel tuo rapporto ma non sai cos’è e se è giusto che tu senta questo? Continua a leggere per capire se quello che stai vivendo, non solo nella tua relazione ma in tutti i rapporti affettivi, è amore sano o malato.

AmoreMalato

Queste sono 9 differenze tra l’amore sano e incondizionato e l’amore malato e dipendente:

1 L’amore sano è basato sulla verità, l’amore malatodipendente è basato sulla mistificazione (il cambiamento della realtà)

2 L’amore sano è caratterizzato da benessere emotivo nei partner, l’amore malato è caratterizzato da malessere emotivo nei partner

3 Se hai emozioni equilibrate attirerai partner con emozioni equilibrate, se hai emozioni malate attirerai partner con emozioni malate

4.L’amore sano è basato sul desiderio e sul bisogno sano, l’amore malato è basato sulla paura e sul bisogno tossico

5.L’amore sano da forza e libertà, l’amore malato è controllante e limitante

6. L’amore sano significa crescita per entrambi. L’amore malato è un impedimento alla crescita

7 L’amore sano dura a lungo e può essere eterno, l’amore dipendente prima o poi finirà (male)

8 L’amore sano ti fa sentire bene e felice, l’amore malato ti fa sentire costantemente che c’è qualcosa che non va

9 L’amore sano porta a voler impegnarsi veramente con quella persona, l’amore malato mette un freno e da segnali negativi sul fatto di impegnarsi

L’amore sano e l’amore malato

cos'è l'amore sano e quello malato
cos’è l’amore sano e quello malato

I problemi d’amore sono la causa del malessere psichico? Secondo lo psicoanalista austriaco Wilhelm Reich, il cui genio è stato in gran parte incompreso, la risposta è si.

L’amore sano e l’amore malato
Secondo lo psicoanalista austriaco Wilhelm Reich l’origine di tutti i disturbi psichici è da ricondursi all’incapacità di amare in modo sano. Questo è senz’altro l’essenza della psicologia e spiega le cause del benessere (e del malessere) psichico. Il benessere psichico deriva dalle emozioni che si sentono nel profondo e dalla capacità di connettersi con le persone in modo sano.
Ma cos’è e come si forma la capacità di amare in modo sano o malato?

L’importanza del passato
Il periodo che va da fin prima della nascita (si, percepiamo le emozioni della madre anche quando siamo ancora nel grembo materno), la fanciullezza e l’adolescenza sono i periodi più importanti per lo sviluppo psicofisico.
Il modo nel quale si viene amati in questa prima parte della propria vita ha una fortissima influenza nel determinare il comportamento in età adulta e lo sviluppo a propria volta di una modalità più o meno sana o malata di amare.
Il modo nel quale si viene amati significa lo stile di attaccamento nei confronti dei genitori.

Amore sano e amore malato
L’amore sano è quello che permette di avere emozioni sane e di attaccarsi emotivamente in maniera equilibrata ad un’altra persona. Questo significa avere la capacità di gestire positivamente i propri stati d’animo interiori e di connettersi con le emozioni di un’altra persona ma allo stesso tempo di avere dei confini ben distinti che permettono di percepire dove terminano le proprie emozioni e dove iniziano quelle dell’altro/a. E di porre dei limiti per far rispettare il proprio vissuto emotivo e per rispettare il vissuto emotivo dell’altra persona.

Emozioni malate portano ad un amore malato
Quando il modo di amare, lo stile di attaccamento dei genitori è stato causa di particolari ansia e angoscia nel bambino, questo si ripercuoterà in età adulta nel proprio sentire emotivo profondo e nello stile di attaccamento con le altre persone. Particolari vissuti di ansia, paura e angoscia determinano in età adulta la formazione di sentimenti ed emozioni disfunzionali. Questo mina la relazione con se stesso e con gli altri determinando una bassa autostima o l’esibizione di sentimenti di grandiosità che servono a coprire le emozioni di ansia e di angoscia.
Una conseguenza tipica è la formazione di relazioni nelle quali una persona è dipendente, con una bassa autostima, e l’altra narcisista, che ha scarso riguardo per le emozioni e i bisogni dell’altra persona.

Le cause dell’amore malato: sessualità, denaro, angoscia per la salute
Secondo Reich la causa principale che porta all’incapacità di amare è la repressione della sessualità. La condanna, la vergogna e i sensi di colpa che vengono instillati fin dalla nascita sul sesso. L’energia sessuale è ciò che da la vita e dopo la pubertà, dice Reich, fluisce non solo nei genitali ma in tutto il corpo. Il non detto, il non parlarne, la vergogna, l’imbarazzo, la paura e i sensi di colpa che si trasmettono di generazione in generazione minano fortemente la capacità dell’individuo di godere della vita e dei suoi piaceri, non solo sessuali. Se il piacere per definizione, quello sessuale, viene circondato da un’alone di vergogna e di senso di colpa, la persona avrà difficoltà a provare piacere in generale nella vita e ad affermare se stessa. E sentirà questa parte naturale di sè come sbagliata con i conseguenti effetti sulla propria autostima.

Denaro e angoscia per la salute
Aggiungo a questo che anche il denaro e la salute sono due settori nei quali vengono trasmesse paure e angosce che mineranno la sicurezza di sè in età adulta. Sul denaro: se si è vissuti in una famiglia nella quale veniva passato uno o più di questi messaggi: “c’è poco per tutti (scarsità)” “non c’è mai abbastanza” “desiderare di più è sbagliato ed egoista” “i ricchi sono avidi e corrotti” “il denaro è la fonte di tutti i mali” “si può guadagnare solo facendo una grande fatica”, questo porterà in età adulta a sviluppare un’angoscia sul denaro e sui soldi e ad impedire di potersi affermare anche economicamente.
Sulla salute: se in famiglia c’è un’angoscia irrisolta per dei lutti, i genitori potranno diventare troppo ansiosi per la salute dei figli, trasmettendo loro questa angoscia sulla salute e la mancata accettazione della morte attraverso l’elaborazione del lutto.

Le dipendenze affettive: Sei dipendente dall’amore?

Le dipendenze affettive, come si formano e cosa fare
Le dipendenze affettive, come si formano e cosa fare

Cosa sono

Le dipendenze affettive derivano dalle emozioni negative e di insicurezza interiori che derivano da blocchi emotivi causati da traumi del passato. Esse portano a cercare nell’amore delle altre persone un modo per coprire il dolore e la sofferenza interiori. Le relazioni diventano quindi delle vere e proprie dipendenze attraverso le quali si tiene a bada questo dolore.

Un esempio

Per capire meglio le dipendenze affettive, considera questo esempio:

Immagina di avere un bambino piccolo dentro di te, un figlio o una figlia che ha solo 15 anni. Come ti sentirai nei confronti di questo bambino? C’è una buona probabilità che sentirai che questo bambino è un peso, che limita la tua libertà. Sentirai probabilmente che questo bambino è troppo esigente e che ha bisogno di troppe cose da te. Potresti voler uscire e divertirti e non essere legato a questo bambino.

E’ così che ti senti nei confronti del tuo bambino interiore, dei tuoi sentimenti e bisogni? Senti come un peso il prenderti cura amorevole di te stesso/a? Senti che i tuoi bisogni e sentimenti sono troppi per prendersi cura di loro? Senti difficile prenderti cura di te stesso/a? Credi che prendersi cura di se stessi sia un atto egoistico? Vorresti che qualcun altro si prendesse cura dei tuoi bisogni emotivi di sentirti amato/a e valorizzato/a?

Se ti senti così questo avviene perchè non hai ancora fatto il lavoro interiore profondo per sviluppare una parte adulta amorevole di te stesso/a, una parte di te che è connessa con una fonte spirituale d’amore, saggezza, forza e guida interiore. E’ l’adolescente che è dentro di te che ti pesa e questa parte di te non solo non vuole assumersi l’incarico di prendersi cura di te, ma non è nemmeno adatta per farlo.

Questo conduce ad essere dipendenti dall’amore.

Il bambino piccolo dentro di te

Hai un bambino piccolo dentro di te – il tuo sentire te stesso – che ha bisogno di amore, attenzione, essere riconosciuto, valorizzato e che ha bisogno di connessione e di compassione. Quando non hai la volontà di dare questo a te stesso perchè senti che è troppo difficile, ti senti inadeguato, pensi che sia egoistico, o pensi che qualcun altro debba soddisfare questi bisogni, allora stai abbandonando te stesso. Se credi che i tuoi migliori sentimenti derivano da qualcun altro invece che da te stesso, allora stai abbandonando te stesso. E quando abbandoni te stesso, quel bambino piccolo cercherà l’amore di cui ha bisogno da qualche altra parte.

Le dipendenze dall'amore
Le dipendenze dall’amore

Abbandonare te stesso

Quando abbandoni te stesso perchè non hai imparato come prenderti cura amorevole di te stesso o perchè non vuoi la responsabilità dei tuoi stessi sentimenti e bisogni, quello è il momento nel quale diventi bisognoso dell’amore e dell’attenzione degli altri. E impari molti modi per cercare di avere l’amore, l’attenzione e la compassione di cui hai bisogno.

Come cerchi di ottenere amore?

Pensa per un momento a come cerchi di ottenere amore, connessione, attenzione, approvazione o compassione dagli altri.

Cerchi di essere perfetto, con un aspetto perfetto, dicendo la cosa giusta o cercando di ottenere risultati sempre più grandi? Cerchi di essere piacevole o simpatico? Cerchi di mostrare agli altri quanto sei intelligente? Cerchi di avere il meglio – la casa migliore, la macchina migliore, la migliore moglie o marito, i figli migliori, i vestiti migliori? O ti comporti in modo impotente, incompetente e hai bisogno di essere salvato? Cerchi di tirare gli altri a te lamentandoti, parlando incessantemente, piagnucolando, tenendo il broncio, rimanendo in silenzio? Sei eccessivamente disponibile e cerchi di far piacere sempre agli altri? Cerchi di ottenere l’attenzione che vuoi attraverso l’intimidazione, con la rabbia, con le minacce, con la colpa o con la violenza?

La dipendenza dall’amore

Quando abbandoni te stesso e sei dipendente dall’amore, svilupperai molte modalità di provare di avere il controllo sull’avere l’amore di cui hai bisogno. Quel bambino piccolo dentro di te è alla ricerca disperata d’amore. Il vuoto dell’auto abbandono e la conseguente ricerca disperata di amore ti porta a comportarti negli stessi modi che allontanano gli altri da te. E’ una battaglia persa. Non funzionerà mai. Non avrai mai l’amore del quale hai bisogno cercando di fare in modo che gli altri ti diano ciò che solo tu puoi dare a te stesso.

Cosa fare

Per riuscire a dare a te stesso l’amore di cui hai bisogno è necessario sciogliere i nodi traumatici che fanno persistere i sentimenti negativi.

La Dipendenza Affettiva: Cause, Sintomi e Come Uscirne

 

La dipendenza affettiva significa avere un disperato bisogno del partner e sviluppare una vera e propria dipendenza amorosa. Quando si soffre di dipendenza affettiva ci si attacca al partner in modo ossessivo e morboso perchè questo è il modo in cui si è stati amati dai genitori e perchè c’è un vuoto emotivo che ha bisogno di essere riempito.

La dipendenza affettiva porta ad innamorarsi di partner “sbagliati” che faranno soffrire. Questo avviene perchè ci si innamora di persone che hanno vuoti emotivi simili a quelli che avevano e hanno le figure genitoriali.

Dipendenza Affettiva Sintomi
I principali sintomi della dipendenza affettiva sono:
* Un basso livello di autostima. Se in famiglia si veniva svalutati, non si veniva ascoltati e non si trovava una sana soddisfazione ai bisogni emotivi, questo porta a svalutare automaticamente i propri bisogni emotivi anche in età adulta.

Quando si tentava di esprimere i propri bisogni questo veniva condannato come qualcosa di sbagliato. Per questo si sviluppa timore e paura nell’esprimere i propri sani bisogni e desideri in età adulta perchè questo è stato associato a sentimenti di rabbia e di negazione. Quindi cercare di soddisfare i propri bisogni emotivi è semplicemente una pretesa ingiustificata e che fa nascere sentimenti di ansia e di paura. Questo ha come conseguenza un basso livello di autostima.

* Scelta di partner non disponibili. Questo avviene perchè una figura genitoriale non era disponibile e c’è il desiderio inconscio di riuscire a soddisfare quel desiderio di attenzioni in partner che hanno caratteristiche simili di indisponibilità. Inoltre si scelgono partner sbagliati perchè si sente che non avranno cura di soddisfare i propri bisogni emotivi. E quando si sente che soddisfare i propri bisogni emotivi è sbagliato e minaccioso, si è attratti automaticamente da partner emotivamente assenti.

* Ci si lascia trascinare dagli eventi invece di essere i protagonisti delle proprie vite.

* Si vive in balia delle proprie emozioni e non si è mai diventati del tutto adulti

* Si dipende dagli altri.

* Le storie amorose ingoiano completamente la persona portandola a volte ad avere comportamenti autolesionistici

Dipendenza Affettiva Cause
Le ferite emotive connesse all’attaccamento e all’abbandono sono le cause della dipendenza affettiva. Si ama e ci si attacca emotivamente al partner nel modo in cui si è stati amati dai genitori dalla nascita fino all’età adulta. E questo vale per te come per i tuoi genitori, i genitori dei tuoi genitori ecc., a meno che non si interrompa questo circolo vizioso.

Dalla nascita all’età adulta si vivono una moltitudine di esperienze affettive in famiglia. Queste esperienze sono corredate da emozioni positive e negative. Quanto più si vivono esperienze corredate da emozioni negative e distruttive, tanto più si svilupperà una struttura di personalità fragile e soggetta a dipendenza affettiva dagli altri.

Dipendenza Affettiva come Uscirne
Come guarire dalla dipendenza affettiva? Guarire le emozioni distruttive che si sono vissute per molti anni non può avvenire da un giorno all’altro. E’ necessario ricostruire il proprio modo di sentire e superare le paure connesse alla sana espressione dei propri bisogni emotivi.

La via per fare questo è riuscire ad esprimere le emozioni che sono state represse e rinchiuse dentro. E riuscire a farlo sentendo che si è al sicuro mentre si esprimono queste emozioni. Questo permette di sbloccare i blocchi emotivi, di sentire come naturale il diritto di valorizzare i propri bisogni emotivi e di riuscire a soddisfarli con le persone in modo equilibrato.

E permetterà di innamorarsi di partner che sono più disponibili emotivamente e di avere una nuova forma di attaccamento più sana e soddisfacente.

“Sono innamorata di un narcisista”: cause e rimedi

Sei innamorata di un narcisista.

Il bravo ragazzo è quello con il quale ti trovi bene, quello con cui la mamma ti dice che dovresti sposarti, quello che è sempre disponibile e che lava anche i piatti… quello che ti capisce e che si preoccupa e pensa di aver sbagliato qualcosa quando ci sono dei problemi.

Ma non ti fa scattare la scintilla.

Il narcisista è invece l’opposto. Ha un senso di grandiosità. E’ egocentrico e presuntuoso. Si considera migliore degli altri. Esagera i suoi talenti.

Tutte qualità spiacevoli all’apparenza ma… incredibilmente sexy e attraenti ai tuoi occhi. Solo che dopo l’idillio arriva l’inferno nel vero e proprio termine della parola.

Dopo che ti ha fatto innamorare ti respinge, ti tratta male, ti da la colpa di cose che non hai fatto. E tu continui a chiederti cosa hai sbagliato. E a sentirti disperata.

Sei nel vortice e non riesci ad uscirne. Sei dipendente da lui e continui a chiederti come fare per riconquistarlo. Ma questo ti farà solo sentire peggio.

Perchè ti comporti così?

Le ragioni del nostro comportamento in amore sono sempre strettamente correlate a quello che si è vissuto in famiglia. Se sei innamorata di un narcisista molto probabilmente non hai avuto le attenzioni che cercavi da tuo padre. Forse era spesso assente emotivamente o fisicamente. O era una figura molto autoritaria e quello che diceva era sempre legge anche se era sbagliato.

Da adulti si è attratti senza rendersene conto del perchè, da partner che facciano rivivere l’amore come è stato vissuto nella familia anche se si riconosce che è sbagliato. E le qualità di autorità e di ostentata sicurezza del narcisista (e anche di sicurezza in quanto spesso i narcisisti hanno un buon successo lavorativo) diventano irresistibili per donne che hanno ferite emotive nella loro autostima.

Perchè il narcisista si comporta così?

Anche quì le cause vanno cercate nel passato famigliare. Il narcisista ha sperimentato in passato una forte emozione negativa legata all’abbandono. Magari l’arrivo di un fratello in casa gli ha tolto l’amore “soffocante” della madre.

Questa esperienza può essere stata così devastante da fargli decidere di non aver più bisogno degli altri in quanto questo può essere troppo pericoloso per lui.

Inconsciamente cerca l’attaccamento con una donna perchè ne ha disperato bisogno. Ma quando si avvicina troppo emotivamente fuoriesce quell’esperienza negativa che lo porta a vendicarsi inconsciamente con la partner per l’esperienza traumatica che ha avuto con la madre.

L’errore che non devi fare? Non cercare di capirlo e di volerlo aiutare, perchè questo ti farà entrare sempre di più in un circolo vizioso che non giova nè a te nè a lui.

Se sei innamorata di un narcisista hai bisogno di fare un percorso che ti permetta di guarire le emozioni che ti portano a sentirti inferiore e ad essere bisognosa.
Così potrai prima di tutto bastare a te stessa. E quando saprai fare questo potrai iniziare una relazione sana, soddisfacente e che durerà a lungo.

Perchè le donne sono spesso attratte dagli uomini più vecchi di loro?

E’ vero che ogni ragazzo giovane, quando raggiunge gli anni delle pubertà e negli anni successivi, spesso si trova a fare fantasie su donne più grandi, anche che hanno il doppio della sua età. Per esempio, è abbastanza comune per un ragazzo giovane che va alle scuole superiori e nel quale spesso gli ormoni sono in subbuglio, fare delle fantasie per una o più delle sue insegnanti donne, una vicina o anche per un’amica di famiglia.

A questo proposito, le opinioni sono consensualmente d’accordo nel sostenere che l’attrazione che un ragazzo giovane prova per una donna più grande non si basa solo sul fatto che essa ha più esperienza… ma anche sul fatto che la stessa conosce meglio l’anatomia maschile e che ha un’abilità sessuale che raramente può avere una ragazza della stessa età del giovane maschio.

E sebbene ci siano delle eccezioni alla regola, nella maggioranza dei casi questo desiderio del giovane ragazzo rimane solamente un segreto e non viene notato dalla donna più grande che lo considera come uno studente giovane o il figlio di amici.

Tuttavia, quando il giovane maschio cresce, e diventa più esperto, il suo desiderio per donne più grandi svanisce e quando raggiunge la mezza età, sviluppa invece dei desideri nei confronti delle donne molto più giovani.

E per quanto riguarda il sesso femminile? Sebbene una giovane donna dopo essere diventata sessualmente consapevole potrà decidere di affilare le sue abilità sessuali con un ragazzo più giovane, man mano che cresce sarà meno interessata a lui puntando la sua attenzione su uomini più maturi che incrociano il suo cammino. Ma perchè avviene questo?

Questo fenomeno di attrazione per gli uomini molto più grandi, sebbene a volte possa essere solo motivo di evasione per alcuni, può in realtà svilupparsi in una relazione stabile e solida, con tutte le caratteristiche di lealtà, romanticismo e cavalleria che sono i fattori chiave di ogni unione di successo.

Infatti molte donne osservano come un uomo che abbia più o meno la loro età o che è più giovane non dia loro lo stesso livello di rispetto o le stesse attenzioni per i dettagli che i maschi con una differenza di età consistente saranno inclini a dare.

E’ vero poi a questo proposito che la maggior parte delle donne sono emotivamente più mature degli uomini della stessa età e non è una sorpresa che quando esse raggiungono i 35 si sentano più compatibili con un maschio di 10 o 20 anni più vecchio e che non si sentano attratte dai ragazzi della loro età per motivi sia emotivi che mentali.

Il partner più maturo è infatti più abile nel sedurla nel corpo e nell’anima e sarà meno imbarazzato nel mostrare manifestazioni di affetto in pubblico, come tenerle la mano o aprire la porta per lei. Sarà insomma felice di far vedere al mondo quanto orgoglioso sia di stare con lei.

E anche sessualmente, sebbene potrebbe non essere un’atleta tra le lenzuola, sentirà il bisogno di far provare piacere alla sua ragazza come priorità sulla ricerca del suo stesso piacere. Inoltre, nel caso di un partner maschile molto più grande, i preliminari inizieranno già al ristorante con gli sguardi, il contatto visivo e la simpatia.

L’amore è davvero cieco?

Nelle nostre menti, molto spesso, abbiamo immagini dei nostri partner che sono irrealistiche. Abbiamo quella che si può definire come “l’illusione romantica positiva” sulla persona con cui stiamo assieme e questa illusione spiega perché siamo cechi di fronte agli errori dei nostri partner e perché siamo così innamorati di essi.

E sebbene sia vero che queste illusioni tendano ad affievolirsi con il tempo, è altrettanto vero che esse possono anche rinforzarsi assieme ad altre caratteristiche.

Poi, quando i problemi coniugali compaiono, e se le illusioni scompaiono completamente, questo può portare alla rottura del matrimonio. Fortunatamente, la maggior parte delle volte, le illusioni possono indebolirsi ma non scompaiono del tutto.

Ma cosa sono quindi le illusioni romantiche e sono positive o negative per un matrimonio?

Le illusioni romantiche si formano in parte a causa delle errate prospettive sull’amore che vengono proposte dal cinema. In esso, spesso infatti vengono proposte delle illusioni romantiche che si realizzano veramente e siccome un film ha delle persone “vere” che lo interpretano, spesso la mente “dimentica” che esso è finzione e associa all’amore la realizzazione di questi ideali.

Poi l’illusione deriva dalla “beatificazione” del matrimonio. Quando una coppia ha dei figli, una preoccupazione dei genitori e una spinta che viene data dalla società è quella che i figli si sposino. Perché accade questo?

Perchè i genitori desiderano che i figli “si sistemino” e questo non può essere ai loro occhi raggiunto finchè non si sposeranno. Inoltre la società spinge verso il matrimonio per garantire l’ordine sociale: quante volte infatti ti è capitato di sentir dire o di affermare “era troppo esuberante e il matrimonio gli ha fatto mettere la testa a posto”.

Questi desideri di genitori e società sono legittimi, solo che per realizzarli in un modo o nell’altro, essi possono “barare” su quello che significa veramente sposarsi e mettere su famiglia.

Se per le insicurezze personali dei genitori o per i messaggi errati che propone la società, si fa in modo che due giovani si sposino quando non sono pronti o non ancora sufficientemente maturi il risultato sarà infelicità e spesso la separazione. Ecco quindi spiegato un altro dei principali motivi per cui le separazioni sono in constante aumento.

L’amore maturo e immaturo e come influiscono sulla tua vita

L’amore, che sia esso amore maturo o amore immaturo, ha molte sfaccettature. Esso è ancora un mistero e ogni innamorato/a ha una sua storia da raccontare sull’amore. Quello che è certo però è che esso fa la differenza fra una vita felice e una piena di sofferenze e delusioni.

A quale condizione quindi l’amore può essere fonte di felicità e benessere?

Che non sia l’amore immaturo ma bensì quello maturo.

Si, perchè esistono due diverse forme di amore o meglio una forma pura, quello maturo che è anche l’amore ideale, e una forma illusoria e non aderente ai principi della vita e della natura, ossia l’amore immaturo.

Approfondisci

4 Consigli per Aiutare a Curare un Cuore Spezzato

Ti è mai capitato di dire “Mi ha spezzato il cuore” o di sentirti dire: “Mi hai spezzato il cuore”? Queste sono frasi molto usate in quanto il connubio “cuore amore” è molto forte.

Avere il cuore spezzato è una sofferenza emotiva così profonda che può essere percepita a livello fisico e, quando la provi, tutto quello che vuoi è che questo profondo dolore se ne vada.

Anche se mi piacerebbe poter dire il contrario, la verità è che non c’è una formula magica per “curare” velocemente un cuore spezzato.

Quello che dovresti chiederti è invece perchè stai soffrendo così tanto e la risposta è che la società e le tue credenze personali non ti hanno permesso di formare una forte identità personale che sia in grado di contrastare i dolori emotivi. 

In ogni caso, quando ci si trova in questa situazione non si può fare molto e, anche se sembra un clichè, il tempo è il rimedio di cui hai bisogno per superare un dolore così prodondo e straziante. Fino ad allora, comunque, seguire alcuni consigli di base può fare la differenza nel modo in cui ti senti.

Eccone allora 4 che puoi mettere in pratica velocemente:

1 Piangi. Ti sentirai male per le prime settimane. In base poi a quanto emotiva sei come persona, potresti sentire il bisogno di piangere per giorni. In questo caso, non trattenerti! C’è stato un cambiamento significativo nella tua vita; un cambiamento doloroso.

Non c’è ragione quindi di aspettarsi che sentirai solo un po’ di tristezza e che sarai in grado di porvi fine da un momento all’altro. Le cose non sono così semplici. Permetti quindi a te stesso di essere addolorato per la tua perdita. Ma non per troppo tempo! Vivere nel passato per troppo tempo può infatti solo farti del male. Vedi per questo l’ultimo consiglio di questo articolo.

2 Parla con qualcuno vicino a te. Usa la spalla di qualcuno che ti vuole bene per esprimere i tuoi sentimenti. Questo è un modo di purificare la tua anima facendo condividere a qualcuno il tuo dolore. Fai in modo che ti ascolti, che ti consoli e che ti dia dei consigli.

Non dovrai poi seguire necessariamente quei consigli ma condividere la situazione ti potrà far sentire meglio. Assicurati poi di appoggiarti a qualcuno solo per un certo periodo perchè poi avrai bisogno di andare avanti.

3 Distraiti. Coinvolgi nuovamente gli amici a cui vuoi bene nella tua vita. Forse, poi, l’avere una relazione ti impediva di passare del tempo con i tuoi genitori o con i tuoi fratelli o sorelle. Forse è da settimane che non parli con il tuo migliore amico.

Circonda quindi te stesso con questa rete di supporto. Un altro modo per distrarsi è fare le cose che hanno bisogno di essere fatte nella tua casa e questo ti permetterà di “perdere te stesso” in un nuovo progetto.

Vai poi in palestra. Riordina il tuo armadio. Esci e fai una passeggiata.
Quindi, come vedi, distrarsi è un ottimo modo di mettere il primo mattone della tua nuova vita. Questo porta all’ultimo consiglio.

4 Guarda al futuro e dimentica il passato. Una volta che avrai permesso a te stesso di sentirti addolorato per una parte della tua vita che ora corrisponde al passato, comincia a guardare avanti! C’è infatti assoluto bisogno di cominciare a scrivere un nuovo capitolo del libro della tua vita.

Ora che hai lasciato la tristezza e la rabbia, è tempo di speranza e di rinnovamento ed essi ti aiuteranno ad andare avanti. Prenditi quindi il tempo per te e conosci te stesso come un individuo singolo invece che come parte di una coppia. Riempi quindi la tua anima diventando te stesso una volta ancora.

Seguendo questi passi non facili ma necessari, potrai quindi iniziare a “curare” i pezzi rotti del tuo cuore. E potrai non solo diventare te stesso ancora, ma potrai diventare qualsiasi cosa desideri diventare.

Questa è un’opportunità per una nuova partenza, e una volta che il dolore comincerà a diminuire, la vedrai come una grande possibilità di fare quello che non hai ancora fatto nella vita.

Quando lo Stress nel Matrimonio Diventa un Problema

Cosa si può fare quando lo stress nel tuo matrimonio comincia a diventare un problema? Molte coppie diventano pazze e continuano a litigare insulsamente l’uno con l’altro. Questo non permetterà di fare nulla di buono ma peggiorerà bensì il problema.

Ecco quindi alcuni modi per gestire e trattare lo stress nel tuo matrimonio:

* Parla con il tuo partner ogni giorno. La comunicazione l’uno con l’altro permetterà di prevenire qualsiasi incomprensione su certi argomenti. Quando insorge un problema, parlate delle vostre sensazioni e cercate di guardare il punto di vista dell’altra persona. Non pensate che sia scontato che l’altra persona sappia come vi sentite in quel momento.

* Non prendete niente per acquisito nel vostro matrimonio. Piccole incomprensioni possono trasformarsi in problemi più grandi in futuro. Rimanete vigili per qualsiasi segnale di potenziale pericolo per il vostro matrimonio e confrontatevi prima che divengano dei problemi più grandi.

* Collaborate. Essere sposati è come fare parte di una squadra. Ogni membro deve fare la sua parte. Una persona non può fare tutto. Collabora quindi con il tuo partner per mantenere sana la vostra relazione.

* Prova a vedere le cose dal punto di vista del tuo partner. Questo ti aiuterà a capire il tipo di ragionamento che fa il tuo partner in quella particolare situazione e aumenterà la tua comprensione della stessa. Non pensare di essere quello/a che ha tutte le risposte.

* Leggi libri ed ebooks sul matrimonio e su come riportarlo agli splendori iniziali e metti in pratica i consigli in essi contenuti. Se questo non dovesse bastare, cerca l’aiuto di un consulente matrimoniale. Non c’è niente di male nel chiedere aiuto.

Mantenere un matrimonio è molto difficile e quindi è importante chiedere ulteriori consigli ad un professionista. E al giorno d’oggi ci sono molte persone che seguono questa strada.

In conclusione, quindi, il matrimonio richiede molto impegno e dedizione, comunque la cosa più importante è parlare regolarmente l’uno con l’altro e confrontarsi sui problemi prima che essi diventino degli ostacoli insormontabili nella vostra vita a due.

Questo aiuterà a ridurre notevolmente lo stress nel vostro matrimonio e a farvi tornare il sorriso e la gioia di vivere.